LA ROBOTICA EDUCATIVA NELLE SCUOLE ITALIANE

Chair:

  • Giovanni Marcianò – capofila Rete di scuole per la Robocup Jr Italia
  • Simonetta Siega – Rete di scuole per la Robocup Jr Italia – sezione Under 14

Relatori:

Dalle prime esperienze italiane nate dal progetto SET ”Costruiamo un robot” (Milano, 2000) il numero di esperienze e scuole attive in tema di impiego di piccoli robot quale ausilio didattico sono cresciute in modo esponenziale. Ormai la robotica rischia di divenire – se già non lo è – una nuova “moda” tecnologica, come al tempo è stata l’informatica e la multimedialità.

Questa “panoramica” è stata pensata per chi è curioso e vuole capire, che stia o meno pensando di “provare” anche nel proprio Istituto a avviare un laboratorio di “Robotica”.

Ma pensiamo questa panoramica di esperienze sia anche utile a chi ha dubbi e interrogativi nel merito, non capendo bene a che mai possa “servire” a scuola un Robot. La stessa cosa si diceva dei computer, nel 1997 di fronte al Piano ministeriale per portare le aule informatiche in tutte le scuole. Allora del computer si aveva una idea di “macchina da ufficio”, come oggi dei Robot si ha idea di “macchina industriale” o “elettrodomestico intelligente”.

Oggi che i computer sono in tutte le scuole, anche l’idea di “computer” come macchina da ufficio è tramontata, e si ha un’idea più ampia delle attività – anche didattiche – che permette. Ma questa cognizione alla scuola è arrivata dopo molti errori e errate interpretazioni, perché spesso la “macchina” ha oscurato la “didattica”, ovvero l’uso finalizzato agli apprendimenti che la macchina stessa permette. Non ha senso “insegnare computer” (gli alunni ne sanno ben più degli insegnanti! Ormai lo sanno tutti …) mentre ha sempre più senso fare lezione di geografia con un atlante multimediale, online o no, con la LIM o il computer, ma anche con un tablet …

Coi Robot non vorremmo si ripetessero gli errori già visti. Non ha senso “insegnare robotica” come materia. A meno che non si svolga nei percorsi professionali, in tal caso sarebbe “Robotica industriale” o “Robotica di servizio”,  come l’informatica per i periti informatici.

In questa tavola rotonda cercheremo di far emergere dalle esperienze presenti attorno al tavolo “quale robotica” possa essere prezioso aiuto agli alunni e studenti per “Imparare a imparare” anche coi Robot, e comunque con le tecnologie. Riferendoci a questa attività come “Robotica educativa”.

Giovanni Marcianò – www.roboticaeducativa.it