I tre teoremi della robotica

Questa proposta in forma di teoremi si pone al fianco di quella su "I tre teoremi della tartaruga", che tratta di un approccio più ampio al linguaggio LOGO, teso a superarne la banale applicazione alla programmazione di figure geometriche.

I bambini che hanno seguito le esperienze di impiego del LOGO per esplorare non solo la geometria, ma anche il caso e il caos, hanno avuto modo di operare nell'ambito logico-matematico con il LOGO e la manipolazione di micromondi.

Parallelamente si può proporre un'esperienze di robotica, che porta nel reale (il pavimento della classe e non più lo schermo del computer) i concetti manipolati col linguaggio LOGO e la programmazione di micromondi. Ma non solo.

I problemi proposti dai "Teoremi di microrobotica" sono sostanzialmente semplici, e servono ad acquisire e consolidare sia primi elementi di costruzione e programmazione del robot che le funzioni logico - concettuali connesse. Il raccordo dell'esperienza vissuta nella programmazione della tartaruga, prima di procedere a programmare il microrobot, è un raccordo forte.

Anche se il linguaggio di programmazione del microrobot è un altro, abbiamo riscontrato che il "salto" da un linguaggio all'altro è meno complesso - per gli alunni - di quanto ci immaginassimo. La disponibilità a breve di MicroMondi EX Robotics in italiano permetterà anche esperienze integrate di programmazione della tartaruga e un suo dialogo diretto con il microrobot. Ne perleremo, non appena vi saranno esperienze documentabili.


BACK

PROSEGUI