Stipendi in Italia, sono troppo bassi? Ecco quanto guadagna il ceto medio nel nostro paese, potresti essere ricco e non lo sai

Il problema degli stipendi bassi in Italia è insostenibile. Eppure, dando un’occhiata ai dati sui guadagni del ceto medio, ci si potrebbe accorgere di essere più ricchi di quanto immaginato.

I dati statistici nazionali e internazionali sono tutti contro i lavoratori italiani, anche perché nel nostro Paese siamo a livelli di insostenibilità nella crescita degli stipendi. Infatti, secondo l’Ocse, si guadagna meno che nel 1990 e l’incremento delle retribuzioni è il più basso dell’Unione Europea.

Quanto guadagna il ceto medio in Italia
In Italia gli stipendi sono molto bassi: ma quanto guadagna il ceto medio? – Robocupjr.it

Più di un lavoratore su 10, in Italia, è a rischio povertà. Mentre l’evasione fiscale dei soggetti con alti patrimoni è sempre più alle stelle. Una persona, in media, spende il 40% del suo reddito solamente per l’alloggio e sulla questione stanno intervenendo vari esperti, come il professore Alessandro Barbero.

“La battaglia fra ricchi e poveri è stata vinta dai ricchi”, ha affermato lo storico e scrittore, nonché ex conduttore dello speciale su Carlo Magno di Superquark e di In viaggio con Barbero. “Ma la cosa peggiore è che non sono stati fatti prigionieri”, ha infine aggiunto in un’intervista.

I ricchi sono sempre più ricchi nel nostro Paese, intanto, giacché il patrimonio dei 10 italiani più benestanti si è quadruplicato. Numeri alla mano, quindi, si può ben dire che la situazione per la popolazione italiana è disastrosa, specie per i ceti a basso reddito. Quello medio, invece, riesce a tenere testa a tali problematiche, anche se i rischi per questa parte della popolazione restano altissimi.

Quanto guadagna il ceto medio in Italia: le stime

Anzitutto, partiamo dal fatto che stiamo parlando di una classe che si trova a metà fra la borghesia e il proletariato. Infatti, il ceto medio nel nostro Paese guadagna più di questi ultimi e riesce, a differenza di molti di essi, ad avere una vita alquanto più dignitosa.

Quali sono le caratteristiche per rientrare nel ceto medio in Italia
Chi rientra nel ceto medio in Italia? – Robocupjr.it

Per poter calcolare e comprendere nello specifico chi ne fa parte, vanno evidenziati alcuni fattori riguardanti lo stipendio percepito dai componenti di una famiglia. In primis, chi rientra nella classe media ha un reddito famigliare compreso fra il 75% e il 200% in confronto al reddito mediano, il quale si attesta in Italia a 2.248 euro al mese (26.979 euro annui).

Dopodiché, si può stimare che per farne parte il guadagno varia dai 20.234 euro e i 53.958 euro annui. Il reddito mediano, però, si differenzia in merito alla condizione del principale percettore famigliare, come anche le caratteristiche del nucleo stesso. La forbice, per rientrare nel ceto medio, aumenta con il passare degli anni, progressivamente, fino a raggiungere un’età che va dai 55 ai 64 anni.

Infine, anche il fattore riguardante le famiglie con figli e quelle senza è determinante per il calcolo, giacché il reddito mediano, nel primo caso, è di 41.218 euro, mentre per il secondo è di 30.497 euro. Anche il luogo in cui si abita può essere decisivo per comprendere chi rientra nel ceto medio. Infatti, chi risiede al Nord deve guadagnare un po’ di più rispetto a chi vive al Centro e molto in confronto a chi, invece, abita nel Sud e nelle Isole.

Impostazioni privacy